Obbligo della rilevazione delle presenze aziendali. La posizione della Corte UE

Obbligo della rilevazione delle presenze aziendali. La posizione della Corte UE

La Corte Europea con la Sentenza del 14 Maggio 2019 ha riconosciuto l’obbligo per gli stati membri dell’UE di adottare una normativa interna che imponga alle imprese di utilizzare un sistema di misurazione presenze «oggettivo, affidabile e accessibile», al fine di ottenere una misurazione delle ore lavorative il più precisa possibile.

La sentenza nasce da una controversia nata in Spagna tra sindacati e istituti di credito riguardo la rilevazione delle presenze dei dipendenti delle banche.

Tuttavia quest’assenza di un sistema diffuso, pratico ed efficiente è sentita anche in Italia, con tutte le conseguenze del caso.

Dati

Alcuni dati raccolti nel corso di uno studio svolto nel 2019 sull’utilizzo di sistemi di rilevazione delle presenze nell’economia italiana:

  • Il 60% delle Aziende italiane ha difficoltà a sapere quanti dipendenti siano attivi in un dato momento e in un dato luogo.
  • Il 39% non utilizza strumenti digitali per rilevare le presenze dei lavoratori, percentuale che sale al 69% se si tratta di collaboratori esterni o freelance

Terminale di rilevazione presenze M24

Cause

Le principali cause di questa situazione sono:

  • Scarsa organizzazione dell’azienda o indifferenza verso la rilevazione delle presenze; soprattutto nella PMI dove il numero ridotto dei dipendenti e le modeste dimensioni delle imprese possono indurre a pensare di non aver bisogno di questi strumenti.
  • Insufficiente formazione dei dipendenti sull’utilizzo del sistema di rilevazione delle presenze; questo capita quando il sistema, se presente, non è User Friendly o non è stato dato il giusto peso alla preparazione dei dipendenti, rischiando così di dare origine a errori umani e casi di inutilizzo dei sistemi adottati.
  • Sistema non integrato con la realtà aziendale e quindi di difficile utilizzo concreto; se il sistema adottato non è di facile adozione da parte dell’azienda per varie ragioni (più sedi aziendali, numerosi freelance, registrazione su supporto cartaceo, ecc.), è necessario trovare un sistema adeguato, anche personalizzato per garantire efficienza e trasparenza.
  • Sfruttamento della manodopera attraverso orari lavorativi più lunghi non registrati; qui la volontà aziendale è in palese contrasto non le normative vigenti, la mancata o parziale rilevazione nasce dalla volontà di non riconoscere appieno i diritti dei propri dipendenti. È un caso fortunatamente raro ma che l’obbligo imposto dalla Corte UE si prefigge di risolvere definitivamente.

La Sentenza della Corte

In questo panorama caratterizzato dall’utilizzo di strumenti antiquati e soggetti a errore umano se non addirittura dall’assenza di un sistema aziendale per la rilevazione delle presenze dei dipendenti, non sorprende l’intervento della Corte Europea che ha voluto imporre un obbligo per i datori di lavoro di istituire un sistema di rilevazione delle ore lavorative.

Non si tratta di adottare un semplice sistema di calendarizzazione delle presenze dei lavoratori e di registrazione del numero delle ore di lavoro effettuate in ufficio.

Lo scopo è quello di mettere a disposizione dei dipendenti e collaboratori uno strumento completo di comunicazione diretto con l’Azienda e di migliorare le condizioni di vita e lavoro dei lavoratori.

Un cambiamento che da un lato punta a tutelare i lavoratori dallo sfruttamento tramite orari lavorativi eccessivi o straordinari non pagati in quanto non registrati.

Dall’altro un richiamo all’efficienza e alla precisione indirizzato a molti settori economici che fino ad oggi hanno latitato nell’introduzione di metodologie e strumenti digitali nelle loro attività.

La soluzione

Nell’attesa che l’obbligo venga recepito dallo stato italiano, rimane il fatto che a breve quest’obbligo sarà riconosciuto in tutti gli stati membri e costituirà un passo importante nella tutela dei diritti dei lavoratori e un cambiamento nel modo di fare impresa, promuovendo la concorrenza leale tra imprese, limitando pratiche di sfruttamento orario.

Adottare un sistema di rilevazione delle presenze «oggettivo, affidabile e accessibile» come previsto dalla Corte UE non è difficile.

Infatti sebbene la decisione della Corte sembri prevedere implicitamente l’utilizzo di sistemi digitali, rimane comunque possibile adottare sistemi di rilevazione analogici come fogli ore e tornelli.

In questo caso tuttavia si rischia di dover mantenere archivi cartacei di difficile gestione e consultazione e l’errore umano rimane pericolosamente probabile, rischiando così di venir meno ai requisiti di accessibilità e affidabilità previsti dalla sentenza.

Sistemi di rilevazione delle presenze

Attualmente esistono in commercio sistemi di rilevazione delle presenze di comprovata efficienza e affidabilità che godono della piena approvazione da parte di organi ed enti di controllo come il Garante della Privacy.

Questi strumenti software e hardware sono alla portata di tutte le aziende, spesso di facile personalizzazione e inclusivi di corsi di formazione per i dipendenti, pensati per essere user friendly e di facile consultazione, integrati con strumenti di analisi dati, reportistica e elaborazione delle buste paga.

In molti casi la rilevazione delle presenze può essere effettuata anche dal proprio Smartphone.

La sicurezza dell’archiviazione digitale unita alla semplicità di gestione dei dati rendono un software rilevazione presenze molto più idoneo a raggiungere gli obiettivi della Corte rispetto a sistemi più antiquati.

Insomma, andare incontro all’obbligo della Corte UE ed adottare un sistema di rilevazione presenze, scegliendo un sistema moderno e digitale, è senza dubbio il modo migliore per mettersi a norma e ottenere i massimi benefici (e i minori disagi), da questa transizione.

 

Il Link alla sentenza 14 maggio 2019, C-55/18

 

Partner tecnologico

Come partner tecnologico, CRONOTIME accompagna il cliente in tutte le fasi del progetto e con il supporto di Partner certificati, si propone come One-stop-Solution Provider che fornisce quanto è necessario per il controllo e gestione presenze e la sicurezza in azienda.

Con oltre 2000 clienti tra imprese e enti pubblici, CRONOTIME è il partner tecnologico ideale per risolvere tutti le problematiche aziendali attraverso:

  • strumenti di controllo dei lavoratori e per la tutela del patrimonio aziendale a norma di legge;
  • sistemi per la gestione dei turni estremamente flessibile e personalizzabile;
  • la fornitura di sistemi di controllo degli accessi e di controllo delle presenze in regola con le normative vigenti;
  • la realizzazione di sistemi personalizzati e/ chiavi in mano;
  • l’installazione di sistemi di videosorveglianza ed accessi veicolari;
  • app di sistemi di controllo degli accessi e di controllo delle presenze per smartphone e tablet;
  • corsi di formazione ed informazione rivolti ai lavoratori ed ai datori di lavoro sulle modalità d’usodegli strumenti e di effettuazione dei controlli;
  • supporto alla elaborazione del codice disciplinare interno;
  • la fornitura di badge.

 

Per maggiori informazioni

Chiama al 080 56 19 587 Area Commerciale

O invia una mail indicando i tuoi dati all’indirizzo marketing@cronotime.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyrights © 2014-2017: Cronotime S.r.l. – Tutti i diritti riservati – Privacy Policy

Powered by progettografico.eu