Bando Voucher per la Digitalizzazione PMI

Bando Voucher per la Digitalizzazione PMI

Il Bando Voucher per la Digitalizzazione delle PMI permette l’erogazione di contributi in forma di voucher per l’acquisto di software, hardware o servizi.

BENEFICIARI

Il Bando Voucher permette l’erogazione di contributi in forma di voucher per l’acquisto di software, hardware o servizi.

Il voucher, di valore non superiore ad € 10.000, può essere concesso alle imprese (singole):

  1. a) che si qualificano come micro, piccole o medie impresa (MPMI) ai sensi della raccomandazione 2003/361/CE del 6 maggio 2003, recepita con decreto ministeriale 18 aprile 2005, indipendentemente dalla loro forma giuridica, nonché dal regime contabile adottato;
  2. b) non rientranti tra le imprese attive nei settori esclusi dall’articolo 1 del regolamento (UE) n. 1407/2013 della Commissione, del 18 dicembre 2013 (la cui attività sia riconducibile a settori di produzione primaria di prodotti agricoli, della pesca e dell’acquacoltura);
  3. c) che hanno sede legale e/o unità locali attive sul territorio nazionale ed iscritte al Registro delle imprese della Camera di commercio territorialmente competente;
  4. d) che non sono sottoposte a procedura concorsuale e non si trovano in stato di fallimento, di liquidazione anche volontaria, di amministrazione controllata, di concordato preventivo o in qualsiasi altra situazione equivalente secondo la normativa vigente;
  5. e) non hanno ricevuto altri contributi pubblici per le spese oggetto della concessione del Voucher;
  6. f) non si trovano nella situazione di aver ricevuto e successivamente non rimborsato o depositato in un conto bloccato aiuti sui quali pende un ordine di recupero, a seguito di una precedente decisione della Commissione europea che dichiara l’aiuto illegale e incompatibile con il mercato comune.

 

FINALITÀ

Attraverso il Bando Voucher si potrà accedere ad un contributo che consentirà:

  • il miglioramento dell’efficienza aziendale;
  • la modernizzazione dell’organizzazione del lavoro, tale da favorire l’utilizzo di strumenti tecnologici e forme di flessibilità, tra cui il telelavoro;
  • lo sviluppo di soluzioni di e-commerce;
  • la connettività a banda larga e ultra larga;
  • il collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare, attraverso l’acquisto e l’attivazione di decoder e parabole, nelle aree dove le condizioni geomorfologiche non consentano l’accesso a soluzioni adeguate attraverso le reti terrestri o laddove gli interventi infrastrutturali risultino scarsamente sostenibili economicamente o non realizzabili;
  • la formazione qualificata, nel campo ICT, del personale delle suddette piccole e medie imprese.

 

COSA FINANZIA

Per ciascuna delle tipologie di programmi finanziabili, attraverso il Bando Voucher saranno ammissibili le seguenti spese:

  • miglioramento dell’efficienza aziendale: spese per l’acquisto di hardware, software e servizi di consulenza specialistica strettamente finalizzati alla digitalizzazione dei processi aziendali;
  • modernizzazione dell’organizzazione del lavoro: spese per l’acquisto di hardware, software e servizi di consulenza specialistica strettamente finalizzati alla modernizzazione dell’organizzazione del lavoro, con particolare riferimento all’utilizzo di strumenti tecnologici e all’introduzione di forme di flessibilità del lavoro, tra cui il telelavoro;
  • sviluppo di soluzioni di e-commerce: spese per l’acquisto di hardware, software, inclusi software specifici per la gestione delle transazioni on-line e per i sistemi di sicurezza della connessione di rete e servizi di consulenza specialistica strettamente finalizzati allo sviluppo di soluzioni di e-commerce;
  • connettività a banda larga e ultralarga: spese di attivazione del servizio sostenute una tantum, con esclusivo riferimento ai costi di realizzazione delle opere infrastrutturali e
    tecniche, quali lavori di fornitura, posa, attestazione, collaudo dei cavi, e ai costi di dotazione e installazione degli apparati necessari alla connettività a banda larga e ultra larga,
    a condizione che dette spese soddisfino le esigenze di cui agli ambiti di attività di cui alle lettere a), b) e c);
  • collegamenti a internet mediante tecnologia satellitare: acquisto e attivazione di decoder e parabole, per il collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare,
    a condizione che dette spese soddisfino le esigenze di cui agli ambiti di attività di cui alle lettere a), b) e c);
  • formazione qualificata, nel campo ICT, del personale: spese per la partecipazione a corsi e per l’acquisizione di servizi di formazione qualificata. Anche in questo caso è necessaria un’attinenza con gli ambiti delle altre attività finanziabili. Gli interventi formativi potranno essere rivolti al personale delle imprese beneficiarie (titolari, legali rappresentanti, amministratori, soci, dipendenti) risultante dal registro delle imprese e/o dal libro unico del lavoro.

 

IMPORTO AGEVOLABILE

Ciascuna impresa proponente usufruisce di un contributo a fondo perduto (Voucher), di importo fino a euro 10.000,00.

I Voucher sono concessi nella misura massima del 50% delle spese ammissibili e sono concesse in regime ‘‘de minimis’’ e dunque nel rispetto del limite per le agevolazioni di importanza minore di euro  200.000 in un triennio.

 

LA PROCEDURA

Le imprese interessate al Bando Voucher devono disporre di un indirizzo di posta elettronica certificata valido e funzionante e della firma digitale del legale rappresentante o di un suo delegato.
La presentazione delle domande potrà avvenire solo con procedura telematica su una piattaforma resa disponibile sul sito Internet del Ministero (www.mise.gov.it).
Le istanze saranno corredate da una dichiarazione sostitutiva di atto notorio attestante il possesso dei requisiti previsti, con l’elenco e la quantificazione delle spese da sostenere e il corrispondente importo del Voucher richiesto. Le domande saranno esaminate direttamente dagli Uffici della Direzione Generale Incentivi alle Imprese del Mise, dopo la chiusura dei termini di presentazione.
L’analisi delle domande sarà condotta effettuando:
— la verifica dei requisiti soggettivi di ammissibilità;
— il controllo di completezza della domanda con riguardo alle informazioni, ai dati e alle dichiarazioni forniti dall’impresa;
— la determinazione dell’importo delle spese ammissibili e del Voucher concedibile per ciascuna impresa.

Attenzione:  le spese riguardanti il programma eventualmente agevolato potranno essere sostenute solo dopo l’assegnazione del voucher da parte del Ministero.
A fronte di ulteriori assegnazioni di risorse, il Ministero riaprirà i termini per la presentazione delle domande di agevolazioni.

 

 

Per maggiori informazioni

Chiama al 080 56 19 587 Area Commerciale

O invia una mail indicando i tuoi dati all’indirizzo marketing@cronotime.it

Gli esperti della CRONOTIME potranno indicarti come utilizzare al meglio il Bando Voucher ed informarti sui servizi aziendali, progettando con te il miglior percorso di innovazione e digitalizzazione per la tua Azienda.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyrights © 2014-2017: Cronotime S.r.l. – Tutti i diritti riservati – Privacy Policy

Powered by progettografico.eu